Categorie
DIRITTO AMMINISTRATIVO MATERIALE SCHEMI

Le tipologie di conferenze dei servizi

Legge 241/90 SCHEMA

Scarica il file PDF dal canale Telegram:

https://t.me/ConcorsiPoliziaLocale

Categorie
DIRITTO AMMINISTRATIVO MATERIALE SCHEMI

I compiti del Responsabile del Procedimento

Legge 241/90 SCHEMA

Scarica il file PDF dal canale Telegram:

https://t.me/ConcorsiPoliziaLocale

Categorie
DIRITTO AMMINISTRATIVO MATERIALE SCHEMI

LE FASI DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

LEGGE 241/90 – SCHEMA

Scarica il file PDF dal canale Telegram:

https://t.me/ConcorsiPoliziaLocale

Categorie
DIRITTO AMMINISTRATIVO MATERIALE

Qual è la differenza tra diritto di accesso documentale, accesso civico e accesso generalizzato?

L’attività della pubblica amministrazione produce atti di rilevanza giuridica.

Il cittadino ha generalmente (tranne alcune eccezioni) diritto di accesso agli atti della pubblica amministrazione.

A seconda della finalità, vi sono tre tre tipologie di “diritto di accesso”.

DIRITTO DI ACCESSO DOCUMENTALE

La legge 241/90 disciplina questo tipo di accesso e l’art. 22 lo definisce “...il diritto degli interessati di prendere visione e di estrarre copia di documenti amministrativi”. Siamo nell’ambito di un procedimento amministrativo e questa tipologia di diritto di accesso, delimita il campo di applicazione ai soli interessati, definendoli come i “soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l’accesso”.

L’oggetto del diritto di accesso sono i documenti amministrativi definiti come “ogni rappresentazione grafica, fotocinematografica, elettromagnetica o di qualunque altra specie del contenuto di atti, anche interni o non relativi ad un specifico procedimento, detenuti da una pubblica amministrazione e concernenti attività di pubblico interesse, indipendentemente dalla natura pubblicistica o privatistica dello loro disciplina sostanziale”.

Esistono delle limitazioni all’esercizio di questo diritto. Sono esclusi dal diritto di accesso:

  • documenti coperti da segreto di Stato;
  • documenti inerenti a procedimenti tributari;
  • documenti che attengono all’attività della pubblica amministrazione diretta all’emanazione di atti normativi, amministrativi generali e di programmazione;
  • documenti amministrativi contenenti informazioni di carattere psico-attitudinale relative a terze persone.

Speculare al diritto di accesso degli interessati è il diritto di accesso dei controinteressati, ossia quei soggetti che dall’esercizio del diritto di accesso vedrebbero compromesso il diritto alla riservatezza; diritto quest’ultimo che funge quindi da virtuale contrappeso all’accesso, in un giuoco di reciproco e delicato bilanciamento.

Il diritto di accesso documentale della legge 241/90, esplicazione dei principi di partecipazione e trasparenza, non ammette istanze di accesso preordinate ad un controllo generalizzato dell’operato delle pubbliche amministrazioni.

Di segno opposto, come spiegato in seguito, sono le altre due tipologie di diritto di accesso disciplinate dal D.lgs 33/2013, il c.d. “decreto trasparenza”, dirette proprio a controllare in un’ottica partecipativa, l’attività della pubblica amministrazione.

DIRITTO DI ACCESSO CIVICO

Il “decreto trasparenza” (d.lgs 33/2013) introduce l’obbligo in capo alle pubbliche amministrazione di pubblicazione sul sito istituzionale di determinati documenti, informazioni e dati. Chiunque può richiederli nel caso sia stata omessa la loro pubblicazione.

In sostanza, l’accesso civico si configura come rimedio alla mancata pubblicazione, obbligatoria per legge, di documenti, informazioni o dati sul sito istituzionale. 

Utilizzando l’istituto dell’accesso civico chiunque può segnalare l’inosservanza dell’obbligo di pubblicazione direttamente all’amministrazione inadempiente, per ottenere rapidamente soddisfazione alla richiesta di dati e informazioni.

DIRITTO DI ACCESSO GENERALIZZATO

L’art. 5 c.2 del D.lgs 33/2013 sancisce che “chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione ai sensi del presente decreto, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi pubblici e privati giuridicamente rilevanti…”

Vi è qui la massima estensione del diritto di accesso avente ad oggetto tutti i dati, i documenti e informazioni detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli per i quali è stabilito un obbligo di pubblicazione. 

La ratio dell’istituto risiede nella dichiarata finalità di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico.

DIFFERENZE

Balza all’occhio già una prima differenza rispetto all’accesso documentale. Il termine utilizzato è “chiunque” anziché “interessato”. 

Mentre nell’accesso documentale il soggetto è l“interessato”, ossia per poter accedere ai documenti amministrativi deve dimostrare un interesse diretto, concreto e attuale, nell’accesso civico (semplice) e nell’accesso generalizzato, chiunque può esercitare il diritto.

Una seconda differenza risiede nell’ambito oggettivo. Nell’accesso documentale oggetto del diritto di accesso sono i documenti amministrativi; nell’accesso civico (semplice) e generalizzato il diritto è esteso anche a informazioni e dati (non necessariamente contenuti in documenti già elaborati).

Altra differenza tra l’accesso documentale della legge 241/90 e le altre due tipologie di accesso disciplinate dal decreto trasparenza, come già accennato, consiste nella finalità dell’accesso. Mentre la legge 241/90 esclude, inoltre, perentoriamente l’utilizzo del diritto di accesso ivi disciplinato al fine di sottoporre l’amministrazione a un controllo generalizzato, il diritto di accesso generalizzato, oltre che quello “semplice”, è riconosciuto proprio “allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico”.

L’articolo ti è stato utile? Condividilo!

Categorie
CONSIGLI MATERIALE

Come prepararsi per il concorso? La guida completa

Una domanda che viene posta molto frequentemente, soprattutto da chi si approccia allo studio per le prime volte è “Come prepararsi per il concorso?”

Oltre alle materie da conoscere, elencate nel relativo bando di concorso, è necessario capire quali sono gli strumenti per prepararsi al meglio.

Questo articolo potrebbe esserti utile:

Le leggi fondamentali da studiare

In questo articolo ci concentreremo soprattutto su questo aspetto, rispondendo alle seguenti domande:

  • quali sono i manuali da comprare?
  • sono sufficienti per superare il concorso?

In libreria oppure su Amazon sono disponibili decine di testi.

Vediamo ora di capire quali acquistare.

I più gettonati sono i manuali, utili per chi si approccia al mondo dei concorsi della polizia locale. Ecco due manuali “classici”

Link alla pagina Amazon

https://amzn.to/3oX68sV

Link alla pagina Amazon

https://amzn.to/3nl87Xh

Non c’è grande differenza tra i due, poiché le materie all’interno sono le stesse.

Per scegliere quale acquistare sfoglia l’indice del testo per individuare gli argomenti più frequenti. Assicurati inoltre di acquistare sempre il manuale più aggiornato.

Il manuale ti rivela una traccia, una sorta di linea guida da seguire. Purtroppo alcuni argomenti non sono trattati in modo esaustivo e spesso non sono evidenziati i necessari collegamenti tra le materie.

In ogni caso rappresentano una buona base per iniziare.

Il Codice della Strada

Il manuale, utile per la maggior parte delle materie, incontra un limite quando arriviamo a studiare il codice della strada.

Questo aspetto non è da sottovalutare perché gran parte dei test, quiz e domande sono incentrate sul codice della strada.

La stessa prova pratica prevede sempre almeno una domanda sul codice della strada, così come la prova orale.

Per questo dobbiamo dotarci di un altro strumento specifico:

Il prontuario delle violazioni al codice della strada. 

Oltre alla descrizione delle sanzioni principali e di quelle accessorie, il prontuario descrive le procedure che un agente di polizia locale deve eseguire per ciascuna norma violata (relativamente al codice della strada)

Le procedure sono la parte più ostica del concorso, inutile girarci troppo intorno.

Sotto il link di un prontuario molto acquistato, disponibile su Amazon.it

Link alla pagina di Amazon

https://amzn.to/3gLKAfE

Ti ricordo che nel sito è presente una sezione da cui è possibile scaricare gratuitamente la maggior parte delle leggi per affrontare il concorso.

Questo è il link: https://concorsipoliziamunicipale.it/materiale/

Se hai bisogno del libro (cartaceo) contenente tutta la raccolta normativa, puoi dare un’occhiata ai nostri due volumi, in vendita su Amazon.it.

Questo è il link: https://concorsipoliziamunicipale.it/libri/

Infine, ciò che ti serve è un codice penale, un codice di procedura penale ed un testo dove sono contenute tutte le altre norme di carattere penale.

La buona notizia è che in commercio, è possibile trovare prodotti che contengono il tutto in solo libro.

Consiglio senza dubbio, questo libro:

Formato Ebook – Disponibile anche il formato cartaceo

Oltre al codice penale, al codice di procedura penale, il libro contiene tutte le leggi complementari di carattere penale, come ad esempio la legislazione in materia di armi, stupefacenti, immigrazione e tanto altro. E’ disponibile sia la versione ebook, sia la versione cartacea.

Inoltre c’è anche la versione pocket (tascabile) più economica.

Spero che questo articolo ti sia stato utile, se ti è piaciuto puoi condividerlo con chi vuoi.

Categorie
CONSIGLI MATERIALE

I concorsi in Polizia Locale. Le leggi fondamentali da studiare

I bandi di concorso prevedono la consocenza di alcuni settori del diritto e di alcune leggi proprie delle funzioni di agente di polizia locale. Le leggi che indichiamo sotto costituiscono la “base” per affrontare i concorsi. Alla teoria va affiancata la parte pratica che in genere, è rappresentata dalla stesura di uno o più verbali, oppure dalla prospettazione di un caso pratico, cioè la simulazione di una situazione in cui l’agente di polizia può imbattersi, durante lo svolgimento del servizio. La prova pratica costituisce forse lo “scoglio” più difficile da superare, in prospettiva della successiva (ed ultima, in genere) prova orale. I molteplici compiti attribuiti alla polizia locale hanno fatto sì che negli ultimi anni, l’elenco delle norme da conoscere sia diventato sempre più lungo. Alle classiche materie, quali ad esempio: il codice della strada, la disciplina del commercio, l’edilizia o l’attività di polizia giudiziaria, si sono affiancati settori “nuovi” come la normativa sull’immigrazione, gli stupefacenti ed ancora altre. Questa evoluzione è la conseguenza di un ruolo, quello dell’agente di polizia locale, che sì è con il passare degli anni, sempre più qualificato e che è si adattato al mutamento della società e del suo contesto. Il che spiega l’evoluzione dei concorsi, ben più difficili rispetto a quelli passati.

Sotto lo schema delle normative principali per l’accesso alla carriera di agente di polizia locale.

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!